CONTATTAMI

Per appuntamento

La seduta può essere svolta presso il mio studio oppure online tramite videochiamata.

* campo obbligatorio

CAPTCHA
Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.
CAPTCHA con immagine

INTERNATIONAL COMPARATIVE EMPLOYEE RELATIONS

AVVISO

In osservanza dei decreti relativi al Covid-19 le attività 'in presenza', presso lo Studio Professionale, sono svolte in totale sicurezza, in ambiente igienizzato a norma di legge.

In alternativa è possibile optare per lo svolgimento delle suddette attività in modalità online.

Per ulteriori informazioni visitare la pagina Contatti.

Titolo: 

INTERNATIONAL COMPARATIVE EMPLOYEE RELATIONS

Autori: 
Karl Koch, Pietro Manzella (Edited by),
Casa editrice: 
Edward Elgar, 2019, Pp. XVIII+205 £ 130.00 (Hardback)

Quando si parla di relazioni industriali e di processi di gestione delle risorse umane fin troppo spesso si trascurano alcuni elementi trasversali che sono racchiusi nelle aree della cultura e della lingua. In realtà, il mondo delle relazioni e anche delle negoziazioni (nell’ambito della dialettica imprese-lavoratori) è fortemente influenzato da variabili locali di ampio spettro, comprese le modalità linguistiche e comunicazionali con le quali si approcciano situazioni così delicate. Si tratta di variabili specifiche di ogni nazione, di ogni gruppo etnico-sociale, di ciascuna area culturale o territoriale, e tali variabili possono avere un ruolo importante anche nelle negoziazioni a livello multinazionale, cioè condotte per conto di organizzazioni sovranazionali.

Di fronte allo sviluppo della globalizzazione – ma anche alle sue disavventure e ai suoi limiti che sempre più spesso emergono – gli autori e i curatori di questo volume prendono in esame l’argomento con una vista globale e internazionale, soffermandosi attentamente anche sulle aree che sono in comune tra nazioni e sui regolamenti simili o differenti, ma con attenzione a tradurre di volta in volta le leggi (la legislazione di specifico riferimento) e le peculiari situazioni in modo tale che sia possibile compararle con quelle di altri sistemi e di altre nazioni.

Il testo è suddiviso in due sezioni. La prima parte è dedicata a inserire il tema centrale del libro nei cambiamenti della globalizzazione e nelle dinamiche di mutamento che portano, tra le altre cose, verso notevoli livelli di incertezza. E’ così introdotto l’argomento linguistico e culturale, passaggio che consente di visualizzare le situazioni specifiche di differenti contesti nazionali (parte seconda).

Di particolare interesse sono i capitoli dedicati alla situazione che oggi emerge in singole nazioni – capitoli che sono racchiusi nelle successive centoventi pagine del testo. Qui trovano posto i casi della Germania, della Nigeria, degli USA, della Cina ed anche dell’Italia. Il capitolo sulla situazione italiana è firmato da uno dei due curatori, Pietro Manzella, e centra l’analisi sul fenomeno del caporalato esplorando gli eventuali equivalenti nel contesto delle relazioni di lavoro in ambito britannico.

Si tratta, dunque, di un testo agile che in relativamente poche pagine consente un confronto ad ampio raggio e alcuni approfondimenti che riguardano specifici contesti. Al termine di queste pagine si può avere l’impressione di una situazione in costante mutamento, difficile da fermare in poche righe e sempre bisognosa di essere aggiornata.

Il testo, che vede la partecipazione di dodici autori (compresi i due Editors), è stato curato da Karl Koch, professore emerito di Modern Language presso la Business School della London South Bank University, e da Pietro Manzella, ricercatore presso l’Associazione per gli Studi Internazionali e Comparati sul Diritto del lavoro e sulle relazioni industriali (ADAPT, www.adapt.it)

 

Andrea Castiello d’Antonio