Per appuntamento

CAPTCHA
Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.
CAPTCHA con immagine

“Risorse umane in Azienda”: la prima newsletter italiana

30 anni fa, all’inizio del Novembre 1990, usciva il numero 1 della Newsletter Risorse Umane in Azienda, pubblicata dalle O. S. – Organizzazioni Speciali, del Gruppo Giunti.

L’idea di lanciare una newsletter – mensile, e a quei tempi soltanto cartacea ma inviata gratuitamente – mi era venuta in mente pochi mesi prima, e ne avevo discusso con Roberto Mattei, allora presidente di O.S. Organizzazioni Speciali.

Con una rapida definizione degli aspetti editoriali, avevo predisposto i primi numeri, con l’idea di uscire all’inizio di novembre del 1990.

Numeri sempre diversi nella loro articolazione interna, ma densi di contributi: in ogni numero vi era un editoriale o un articolo a mia firma; poi interviste, recensioni, articoli di autori italiani e stranieri, annunci di convegni, e report di congressi appena svolti.

Non molte pagine, ma bene impostate e accattivanti, facili da leggere, e sempre puntate su tematiche di attualità, da un lato, o su quei grandi argomenti-base che sono sempre di interesse per chi si occupa di gestione e sviluppo del capitale umano.

Newsletter Risorse Umane in Azienda è stata la prima newsletter italiana, edita da un editore di prestigio e fortemente riconosciuto nel campo della psicologia del lavoro (e non solo), che si è occupata regolarmente di psicologia applicata nel mondo delle organizzazioni e delle istituzioni, e di tematiche di management, leadership e followership.

Pensata anche come un forum aperto a scambi di idee, nel corso degli anni in cui sono stato responsabile di Newsletter Risorse Umane in Azienda abbiamo pubblicato contributi provenienti da diversi orientamenti teorici e di metodo, senza alcuna preclusione inerente le “scuole” di appartenenza degli autori, o il loro punto di vista su metodologie e applicazioni operative. Circa queste ultime si è anche dato spazio alla voce dei responsabili del personale, con interviste e brevi contributi, ampliando così progressivamente la platea dei lettori.

La newsletter di Risorse umane in Azienda

Nel tempo, Newsletter Risorse Umane in Azienda è cresciuta nelle sue dimensioni non solo come abbonati ma anche nel numero di pagine e nella ricchezza dei contributi: ciò ha determinato la necessità, per l’Editore, di proporla non più gratuitamente ma sulla base di un (contenuto) abbonamento annuale, ampliando nel contempo il team di riferimento; così sono stato affiancato da alcuni redattori e collaboratori, fino a quando, per i soverchianti impregni professionali a cui dovevo fare fronte negli Anni Novanta, a malincuore ho deciso di lasciare la direzione della Newsletter (che ha proseguito per alcuni altri anni, fino poi a chiudere le pubblicazioni).

Newsletter Risorse Umane in Azienda ha rappresentato un importante progetto editoriale nel contesto delle attività che Edoardo Abbele decise di avviare nel lontano 1950 (vedi la storia delle O. S. Organizzazioni Speciali in https://www.giuntios.it/informazioni/chi-siamo/storia/ ) e una iniziativa significativa per lo sviluppo della cultura psicologica applicata nel mondo del lavoro.

Ecco alcuni dei miei articoli pubblicati nei primi anni di vita della Newsletter Risorse Umane in Azienda

 

< La qualità totale nella gestione delle persone nelle organizzazioni

< Notizie da Francia e Gran Bretagna

< Il turn-over

< Interviewing

< Mostra-convegno sulla direzione del personale

< La psicologia del lavoro tra il 1990 e il Duemila

< La formazione psicosociale

< Novità per il manager. Aggiornamenti professionali

< Un “must” per il formatore: la Social Psychology di Solomon Asch

< I test in azienda

< Novità per la professione - Aggiornamenti in lingua inglese

< L'uomo al lavoro e le sue problematiche

< La formazione e i suoi effetti

< Il potenziale, questo sconosciuto

< Lo sviluppo del personale negli “anni difficili”

< La valutazione delle prestazioni

< Persone che lavorano e culture di impresa

 

Andrea Castiello d’Antonio